...............................................................................................Troverete tutti i vostri lavori nel Blog che ho dedicato a Voi clikkando QUI

giovedì 19 marzo 2015

A m'arcord : 19 marzo, San Giuseppe


Ogni anno il 19 marzo mi evoca tantissimi ricordi legati alla mia infanzia.

Per me il 19 marzo non è la Festa del papà, ai miei tempi ancora non era stata "istituita" dalla logica consumistica dei nostri giorni.
Per me il 19 di marzo è  ancora sempre e solo San Giuseppe........ il giorno in cui facevo gli auguri di buon onomastico a mio zio, ma soprattutto il giorno in cui avevo il permesso di allontanarmi un poco da casa, con le miei amiche, per raggiungere i primi prati fuori dal centro abito e raccogliere le prime viole.





Il senso di libertà e il piacere di stringere tra le dita quel piccolo mazzolino profumato è ancora forte nei miei ricordi e ancora oggi riesco a sentire l'emozione che mi perdeva nel profondo dell'anima.

Ricordo poi la felicità nel trovare per prima una violetta bianca: una vera rarità per noi bimbe, un "trofeo" e un vanto se poi eri la sola a trovarne una!






Per me il 19 marzo è poi il giorno delle frittelle di San Giuseppe, che mia madre friggeva ogni anno ,sempre e solo in quel giorno.






Sento ancora loro sapore, lo scricchiolio sotto i  denti dello zucchero che li rivestiva, sento ancora il loro profumo che pervadeva tutta la casa e la complicità che in quel giorno era forte tra le donne di casa (mia madre, mia nonna, mia cugina ed io) nella preparazione di quel prelibato dolcetto. Sapore tanto buono e a noi gradito, che spesso finivo per ustionarmi la punta della lingua per la smania di mangiarle le frittelle ancora caldissime, appena ritirate dall'olio bollente.


Chissà a voi cosa evoca invece il 19 di marzo......... mi piacerebbe saperlo.
Forse lasciando un commento sotto questo Post potreste raccontarmelo! Grazie a chi lo farà


C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole,
anzi d'antico: io vivo altrove, e sento
che sono intorno nate le viole.
Son nate nella selva del convento
dei cappuccini, tra le morte foglie
che al ceppo delle quercie agita il vento.
Si respira una dolce aria che scioglie
le dure zolle, e visita le chiese
di campagna, ch'erbose hanno le soglie
.....................
...............................
G. Pascoli



28 commenti:

  1. Ciao, il 19 marzo ho sempre preparato qualcosa per il mio papà: a casa ogni occasione è buona per scambiarci qualche regalino. Ma da 9 anni sono mamma e questa è la festa più importante.
    Barbara

    RispondiElimina
  2. fantastico ... faccio mio questo tuo ricordo ..... anche per me era un giorno importante .....gli auguri a tutti i Giuseppe e Giuseppina della mia famiglia e ve ne sono tanti e tutti lontani ....uno dei patroni della città di Parma ogni anno in città arrivano le giostre in questo periodo ..... però anche la festa del Papà ..... che ho sempre amato tantissimo e un pensiero ancora vola a Lui .....lo sai che ho piantato alcuni mazzetti di viole ?? le ho raccolte nel bosco .... sono viola e bianche proprio come le tue ... spero riescano ad attecchire ... bacioni Lella con una mano sola !!!

    RispondiElimina
  3. .... i miei ricordi sono simili ai tuoi, come gli anni del resto!
    Le viole di campo (ci saranno ancora?), le frittelle, gli auguri........ che bei ricordi!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Anche io da bambina amavo raccogliere grandi mazzi di violette nei boschi del mio paese che poi regalavo con orgoglio alla mia mamma. Il 19 marzo poi oltre al papà festeggiavamo l'onomastico della nonna materna, Faceva delle buonissime frittelle dall'aspetto molto simile alle tue con rum ed uvetta, purtroppo ha lasciato una ricetta molto vaga (e con i pesi espressi in libbre ed once), ho provato diverse volte a farla ...... ma non viene uguale!
    Un abbraccio
    Carla

    RispondiElimina
  5. Ciao Lella! I miei ricordi volano per il mio amato padre José con il nome di S. Giuseppe .... mi piace violette e il bianco sono incredibili!
    Buona giornata!
    Baci dal Portogallo.
    Ana Love Craft,
    www.lovecraft2012.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Da sempre adoro leggere i tuoi A m'arcord ..... che bei ricordi!
    Condivido la passione per le violette di campo e per le frittelle di San Giuseppe. Grazie per avermene ricordato rofumi e sapori.
    Bacio

    RispondiElimina
  7. Che bel post :) si vede che l'hai scritto con il cuore :)

    RispondiElimina
  8. anche io ho fatto in tempo a godere della festa di san Giuseppe: niente scuola, giretto con il papone ecc!
    bellissima la poesia. un abbraccio
    amelie

    RispondiElimina
  9. ......mi ricorda il mio onomastico, troppo vicino al compleanno, i miei nonni , la mamma di mia madre e il padre di mio padre ,perchè porto il loro nome, il mio papà che festeggiavo sempre e poi............Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Sono rimasta incantata a leggere questo post...a me questo giorno non ricorda nulla!!! Sarà perchè oggi mi sono svegliata di pessimo umore???
    Grazie Lella per aver condiviso con noi questo fantastico ricordo...
    Ti abbraccio Amelina

    RispondiElimina
  11. A casa mia mia nonna faceva i "pidoni" dei panzerotti con la l'indivia. Io continuo a farli ogni anno e li porto ai miei genitori e a mia suocera. Ricordare e mantenere le tradizioni serve a mantenere in vita chi non c'è più

    RispondiElimina
  12. ho deicato una lettera al mio papà
    Giuseppe era il nome di mio nonno, di mio suocero e anche del mio papà
    quando ero bimba da noi fiorivano i fiori di S. Giuseppe, minuscoli fiori gialli, bellissimi
    io andavo con nonna, li raccoglievo e li portavo in dono hai miei Giuseppe
    Qui ha nevicato tanto, e la fioritura quest'anno non c'è ancora stata, così questa mattina sono andata matta a cercare dai fiorai un ramo di questi fiori, ma non l'ho trovato
    volevo portarli al cimitero, come faccio ogni anno
    Mio suocero era un uomo speciale, mi ha voluto tanto bene, è mancato proprio il giorno di S. Giuseppe di 11 anni fa
    Mio nonno lo adoravo anche lui adorava me, la sua "masna", anche lui falegname
    Mio papà il mio grande orgoglio di figlia Giuseppe anche lui, falegname anche lui
    Ecco cosa mi ricorda il 19 maggio le forsizie così si chiamano quei cespugli gialli, anche se mia nonna li chiamava i fiori di san giuseppe perchè fioriscono proprio per il 19 marzo e così li chiamo anche io
    BAci Valeria

    RispondiElimina
  13. Una delle prime poesie che mi hanno insegnato........bellaaaaa

    RispondiElimina
  14. Ma che bei ricordi violette e frittelle!!Noi non usiamo festeggiare con dolci S.Giuseppe si faceva solo festa al papà e da scuola portavamo a casa un lavoretto fatto a mano e mio papà quando tornava la sera dal lavoro ne era tanto contento!!Quanto mi mancano i suoi sorrisi!!un bacione!!

    RispondiElimina
  15. Ricordo con piacere i lavoretti fatti a scuola per il papà.
    La festa che facevano al paese natale di mio marito, eravamo tutti a pranzo dalla nonna e poi si andava per
    le vie del paese dove c'erano le bancherelle che vendevano le castagne secche infilate nella corda.
    Adoro i fiori gialli a cespuglio che ho sempre chiamato fiori di San Giuseppe.
    Purtroppo non è nostra tradizione fare dolci.
    Baci

    RispondiElimina
  16. grazie per aver condiviso con noi questo bellissimo ricordo...ti abbraccio buon fine settimana Lory

    RispondiElimina
  17. Anche i miei ricordi sono come i tuoi. Noi andavamo a raccogliere i fiori di malva. Ho festeggiato con la mia amica e rispetto vi marito mangiando gli sfinciuni siciliani ricoperti di ricotta. Maria

    RispondiElimina
  18. Maria Teresa Ignoffo20 marzo 2015 17:13

    Che emozione leggere dei tuoi ricordi.Mi hai fatto tornare indietro un pò nel tempo e ricordare momenti lontani con i suoi profumi di fiori e dolci. Questo giorno oltre alla festa del papà per me era poter scorazzare per i campi del nonno sempre verdi e trapuntati di viole e margherite ... L'erba ancora umida dell'inverno alle porte che lasciava i pantaloni colorati di verde. Maria Teresa

    RispondiElimina
  19. questo post mi ha regalato un attimo di dolce serenità....grazie di cuore...grazie! :)

    RispondiElimina
  20. Ciao! Sarò una voce fuori dal coro...Sinceramente non ho molti ricordi legati a questa festa, anzi forse nessuno.
    Scolasticamente, le solite letterine o bigliettini che a scuola ci facevano preparare per papà. Tutt'ora, è un giorno per cui rinnovo i miei auguri al mio papà, e nient'altro, senza tanti fronzoli.
    Oddio...ci sarebbe altro. Una cosa mi fa troppo male: non riuscire ad abbracciare mio padre per vergogna, anche se lui è sempre molto affettuoso con me e mia sorella. In famiglia non siamo state abituate ad abbracciarci quando ne sentivamo anche solo il bisogno...azz...quanti ci sto MALE.
    Scusa lo sfogo...
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  21. Per me e' la festa del papa, il mio e quello delle mie figlie
    ��
    Www.monicc.wordpress.com

    RispondiElimina
  22. Grazie Lella per il tuo ricordo del 19 marzo .......che dire anche per me è così. Abitavo da bambina in campagna e anche io andavo in cerca di violette ed era arrivata la primavera ed il pensiero era di fare gli auguri a chi si chiamava Giuseppe. Adesso anche è così, però non posso nascondere che quest'anno a S. Giuseppe (festa del papà) non ho potuto fare a meno di pensare al mio di papà che è salito in cielo da un mese. Comunque ancora grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
  23. Quanti bei ricordi..anche per me è un giorno speciale..ogni anno ci facciamo gli Auguri io e il mio papà,è un dolce abbraccio fatto con tanto amore.
    baci

    RispondiElimina
  24. Una bellissima fotografia di come ci si poteva divertire con "poco" ... di quando il divertimento era stare con le amiche in un prato o ai giardinetti!
    Grazie!

    RispondiElimina
  25. I miei ricordi sono più o meno come i tuoi, noi avevamo un campo dietro casa dove potevamo scatenarci in lungo e in largo! Andando in giro per la città, cerco sempre con lo sguardo i colori dei fiori e delle violette che si trovavano in questo periodo, e ogni tanto per forutna se ne trovano ancora!
    un abbraccio
    sabrina

    RispondiElimina
  26. Un dolcissimo e commovente racconto...a me il 19 marzo fa pensare tanto al mio papà e alle cose che vorrei ancora dirgli, a quanto vorrei che i miei figli lo avessero conosciuto... grazie per aver condiviso i tuoi bei ricordi!

    RispondiElimina
  27. E' un giorno speciale perchè mio marito si chiama Giuseppe,ma soprattutto perchè io pugliese di nascita,rispetto le tradizioni napoletane,ogni anno si fanno le zeppole,non quelle di pasta choux che ho fatto la settimana prima al forno,ma quelle a base di patate che gli preparava la sua mamma.Come ogni anno sono finite subito,un abbraccio maria

    RispondiElimina
  28. Per me prima della festa del papà, prima di san Giuseppe, il 19 marzo era il compleanno del mio amatissimo nonno. Una data speciale, così come è stato speciale e sempre lo sarà lui nel mio cuore...

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, mi fa piacere conoscere le vostre opinioni!
Se sei anonimo, lasciami un nome, un nick o una mail, così saprò a chi rispondere.
♥ Lella ♥

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...