Tutte le mie amiche

...............................................................
..........................................................................................................Troverete tutti i vostri lavori nel Blog che ho dedicato a Voi clikkando QUI



domenica 19 ottobre 2014

Attenti al gatto



A casa di Lucia non solo fiori, ma anche gatti!!!!!!




Quello che vedete sonnecchiante, comodamente sdraiato su di una panchina a prendere il sole, è solo uno ed estremamente pacifico.....................




.........   basta però entrare in casa per essere "assaliti" non da 1, ma da 10, 100, 200.......... gatti!!!!!
Il numero preciso neppure Lucia lo sa, ma mi ha promesso che li conterà,  poi vi saprò dire.




Gatti ovunque. Gatti di ogni forma, dimensione e materiale..........................




Legno, ceramica, porcellana, pietra, argento, bronzo, cristallo, tessuto..............................




Una collezione di gatti incredibilmente varia e bella..............................




................. che Lucia ha arricchito negli anni




Una collezione che ha richiesto e richiede cura e amore, lo stesso che lei dedica ai suoi fiori.




Una collezione che stupisce per il numero e la varietà........................




........... ma anche per l'armonia e la grazia con cui sono "disseminati" o "ragguppati" per casa, un'armonia e una grazia che pervadono tutto ciò che la circonda




La mia collezione di polli, galline e galli al confronto è davvero pochissima cosa!




giovedì 16 ottobre 2014

A casa di Lucia



........... lasciata Amelina, dopo una breve ma coinvolgente visita a sorpresa, il mio viaggio è ripreso alla vota di Potenza dove ad accogliermi, oltre al calore e all'affetto dei miei consuoceri, ho trovato anche questa volta un tripudio di fiori!




Sarà il clima, sarà il pollice verde di Lucia, sarà non so cosa, ma in ogni stagione dell'anno il suo giardino è sorprendentemente fiorito e odoroso, tanto da fare quasi invidia.

























Che dire poi dei balconi e dei terrazzi?!






................ e di questa pianta grassa?!



Tanta meraviglia, insieme al calore unano e alla simpatia di Lucia e di Rocco, merita un viaggio tanto lungo in tanto breve tempo.




lunedì 13 ottobre 2014

Una "lunga" vacanza breve


Lunga perchè ho attraversato l'Italia e breve perchè è durata poco più di un fine settimana. Lunga perchè  intensissima dal punto di vista culturale, emotivo e soprattutto affettivo. Breve perchè avrei voluto prolungarla almeno ancora di qualche giorno.


La prima tappa del viaggio, dopo più di 500 km, è stata San Benedetto del Tronto, dove ci siamo fermati per una non troppo breve pausa pranzo.



Ristorante La Lancètte - San Benedetto del Tronto



Avevo speso sentito parlare della passeggiata a mare di questa cittadina marchigiana e ho voluto verificarne la bellezza di persona. 
Essendo ormai fine stagione turistica, ma grazie alla stupenda giornata di sole e al clima mite, ho potuto ammirare la lunga ed alberata passeggiata  in tutto il suo splendore.

I locali della zona erano tutti chiusi tranne il ristorante "La lancètte", che occupa un locale con porticato direttamente aperto sulla spiaggia, nulla di meglio per un pranzo a base di pesce comodamente seduti di fronte ad un mare calmo, ad un cielo di un azzurro intenso e luminoso e ad una spiaggia deserta e dalla sabbia dorata!

Ripreso il cammino, diretti a Potenza, seguendo la A 14 in direzione Foggia, si transita nei pressi di Montenero della Bisaccia, un piccolo comune del Molise ai confini con l'Abruzzo, noto ai più per essere patria di un famoso personaggio della vita politica italiana, ma a me caro per ben altri motivi!

Proprio in questo paesino abita una delle mie più care amiche del web, Amelina, che molti di voi conosceranno per il suo Blog e i suoi bellissimi lavori di ricamo soprattutto, ma anche di cucito e di maglia.

Potevo passarci anche questa volta così vicino senza fermarmi almeno per un saluto, un abbraccio e un caffè!? No, non potevo proprio!!!!! Anche a costo di tardare l'arrivo a Potenza dove mi aspettavano per cena, una sorpresa dovevo fargliela e sorpresa è stata!!!!!!!






Un abbraccio caloroso e una gioia immensa che forse i nostri mariti hanno faticato a capire, ma è stato davvero un momento bello, bello, bellissimo. Vero Amelina?!



.................... il seguito alla "prossima puntata".





giovedì 2 ottobre 2014

La zucca delle meraviglie


Domenica scorsa, di ritorno dalla Désarpa della Valtorunanche in Val d'Aosta, mi sono fermata in un piccolo paese del Basso Monferrato e precisamente a Piea d'Asti.




Nel paese si svolgeva infatti la 15° Fiera Regionale della Zucca.



Murales nella prima casa del Paese



le due zucche più grandi (oltre 230 Kg)



zucche a papera



una grande zucca



zucche al peso




zucche ornamentali


Altri prodotti tipici della zona


nocciole



porri



fagioli




peperoni



Con l'occasione ho fatto la scorta di zucche e di porri per tutta la famiglia!




lunedì 29 settembre 2014

La Désarpa


Questo fine settimana l'ho passato in la  Val d'Aosta, tra Cervinia e Valtournanche, per assistere alla désarpa.

Sabato 27 settembre, dalle 9.00 del mattino fino al tardo pomeriggio, in questa zona, così come nelle altre vallate, è avvenuta la transumanza dei bovini. Per l'occasione la statale è stata chiusa al traffico per permettere alle mandrie di compiere l'ultimo tragitto di strada che dagli alpeggi le portava a valle, dove passeranno il freddo inverno della regione, nelle stalle.

La giornata, limpida, ma fredda di prima mattina, tanto da richiedere giacche e piumini, sì è poi scaldata e il sole ha riscaldato l'aria fino a sera, permettendo alla folla di turisti di pranzare all'aperto e nei prati.






Ogni anno alla fine della stagione estiva in molti Comuni della regione si può assistere ad  un avvenimento tradizionale molto sentito dalla popolazione locale: la désarpa
Dopo una lunga estate vissuta negli alpeggi di alta montagna, le mucche fanno ritorno alle loro stalle di fondo valle.







Quella della desarpa è un‘antica e radicata consuetudine degli allevatori valdostani è quella di trasferire, durante i mesi estivi, le mandrie dalle stalle del fondovalle agli alpeggi d‘alta quota. 






Centinaia di bovini, provenienti dai diversi alpeggi della zona hanno sfilato per le vie del paese, accompagnate dal clamore di loro campanacci per la gioia di grandi e piccini.







Il giorno della désarpa coincide, per tradizione, con la festa di San Michele e ogni anno, a fine settembre. 

La transumanza dei bovini rappresenta un momento importante per la vita dell'allevatore, nonché un giorno di festa da condividere con tutta la popolazione.





Valtournanche - Sabato 27 settembre 2014





Le bovine sfilano per le vie del paese adornate a festa, la “Reina di cornes” (regina delle corna) apre il corteo con il caratteristico “bosquet” rosso





seguita dalla “Reina di lacé” (regina del latte, la bovina più produttiva) decora con un “bosquet” bianco






Per le strade e nei  ristoranti della zona poi è proposto un menù tradizionale per scoprire e assaporare le eccellenze del territorio. 






Domenica, sulla via del rientro, abbiamo raggiunto Piea, un piccolo paese collinare dell'astigiano ...................... ma questo sarà argomento del prossimo Post!

Buona settimana a tutte voi



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...