Tutte le mie amiche

...............................................................
..........................................................................................................Troverete tutti i vostri lavori nel Blog che ho dedicato a Voi clikkando QUI



domenica 21 dicembre 2014

Ma che bella soddisfazione!



Gli scialletti e mantelline, fatti da voi con i miei tutorial, sono ormai tantissimi e li potete vedere tutti qui:  "Sciallini e mantelline della nonna, i vostri lavori".

Ho sempre gradito molto le foto che mi avete mandato e i vostri lavori sono tutti molto belli.  

Nel tempo ve ne avevo mostrato alcuni tra quelli che più mi erano sembrati degni di nota e anche oggi ve ne voglio presentare uno, sia perchè è l'ultimo ricevuto in ordine di tempo, sia perché mi ha molto intenerita. Nella foto che ho ricevuto infatti il lavoro è anche "indossato"..............





...... e la nonnina che lo indossa sembra proprio felice di averlo ricevuto in dono!


Grazie a Giovanna S. per aver reso felice la sua mamma e grazie anche per aver condiviso con me questa bellissima foto che mi rende orgogliosa di rendere possibile questi piccoli "miracoli".





TUTORIAL FREE




lunedì 15 dicembre 2014

Addobbi natalizi per i più piccoli


Per l'albero di Natale di Michele e Filippo ho preparato qualche altro addobbo infrangibile, in modo tale che possano giocare intorno all'albero senza fare guai!







Questa volta si tratta dei tipici bastoncini "di zucchero" che ho realizzato a uncinetto, con avanzi di lana rossa e bianca.
Il lavoretto è semplice e veloce, ma di grande effetto.

Servirà, per modellarli, un anima di sottile filo metallico (quello che usano i fioristi) e un pezzetto di nastrino per poterli appende all'albero.

Va da sé che chi volesse farli a sua volta non deve far altro che chiedermi il TUTORIAL free lasciando un commento sotto questo Post e scrivendomi di seguito una mail ( creareperhobby@gmail.com )alla quale risponderò allegando il PDF.


sabato 13 dicembre 2014

Il lèche-vitrine continua


Girovagando tra le ruelle della vecchia Nizza ho scovato un negozietto pieno zeppo di .....................




................ galli galline, polli, polletti et similia!

Data la mia passione per questi animali, mi sono "fiondata" all'interno e nonostante fosse fatto divieto di fare foto, sono riuscita ad immortalare alcuni "esemplari" sia in ceramica che in tessuto







Secondo voi potevo non cogliere l'occasione per arricchire la mia collezione!?
Sicuramente no!


Mi restava però il dilemma di quale scegliere............. il tempo era poco, dovevo decidere in fretta, così dopo un rapido "inventario" mentale di quale sarebbe stata più adatta da accostare a quelle già presenti nella mia cucina........ ho scelto questa..........................









.................... che ora fa bella mostra di sé vicino ad un'altra tra le mie preferite.





Eh sì, Nizza mi accoglie sempre a braccia aperte e mi riserva sempre delle gradite sorprese!







venerdì 12 dicembre 2014

Lèche-vitrines: guanti, sciarpe&C


Non si può andare a Nizza senza fare un po' di  lèche-vitrines ( flâner en regardant les vitrines ), cioè passeggiare pigramente guardando le vetrine!


Ogni volta che torno in città dedico sempre qualche ora a girovagare senza meta, col cellulare a portata di mano, pronta a scattare qualche foto con l'intento poi di mostravi ciò che mi ha emozionato e rendervi partecipe dei miei fine settimana a Nizza.

Anche durante il ponte del'Immacolata si è ripetuto questo "rito". Eccone il risultato!

Cominciamo con un po' di colore




















e per finire ........... portafogli e pochettes coordinate!




Buona giornate e ........ alle prossime vetrine!!!!!


giovedì 11 dicembre 2014

Nizza: omelettes e crépes a volontà


A Nizza non c'è che l'imbarazzo della scelta, si può mangiare ovunque e a qualsiasi ora, ma non è detto che in tutti i locali lo si faccia bene!

Dopo tanti anni che "vivo" la città ho ormai dei punti di riferimento fissi anche per quanto riguarda il cibo e in alcuni locali ci torno assolutamente ogni volta, anche se mi fermo solo qualche giorno.

Uno di questi è una créperie bretone, che oltre ad essere un ottimo ristorante è anche un piccolo museo.





Tranne pochi piatti, il menù è essenzialmente composto da crepes, sia salate che dolci, con una varietà tale da soddisfare tutti i gusti.

Di solito il mio pasto sia compone di una crepe salata (rigorosamente fatta con grano saraceno, come vuole la tradizione bretone) con verdure e uova strapazzate e una crepe dolce alla cannella con supplemento di gelato alla crema (una vera delizia!!!!).

Come bevanda è di rigore il sidro, secco o dolce a seconda delle preferenza. Io scelgo sempre quello secco, tranne nei pomeriggi estivi quando mi fermo per coccolarmi un po'.


Un altro locale dove mi trovo bene e che frequento spesso è un bistrot in centro, sempre molto affollato, ma adoro la sua atmosfera tipicamente francese e la velocità del servizio




Qui invece adoro mangiare l'omelette con les frittes, quelle meravigliose patatine fritte al punto giusto, che vengono servite di contorno insieme ad una bella insalatina di mescul, condita con vinegrette moutardé.






Sarò di gusti facili, ma io adoro questo piatto!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...