...............................................................................................Troverete tutti i vostri lavori nel Blog che ho dedicato a Voi clikkando QUI

martedì 23 ottobre 2012

Una ricetta della cucina povera alessandrina


Dal verduriere ho trovato degli splendidi spinaci, piccolini, teneri e freschissimi, cosa che ormai succede di rado. Spesso gli spinaci in vendita sono "vecchi", grossi, con uno stelo enorme e tutti "infangati".
Non parliamo poi di quelli imbustati dei supermercati! Già puliti, vero, ma di scarsissima qualità.
Ecco perchè, come li ho visti ho pensato che avrei potuto acquistarli per cucinare un rimo che da tempo non preparavo: i Rabaton.



Rabaton



I Rabaton sono una ricetta della cucina povera alessandrina che richiedono appunto l'uso degli spinaci o delle bieotele (o delle due verdure insieme). Una volta cotti, gli spinaci vanno insaporiti con burro, salvia e aglio, tritati e uniti a ricotta, parmigiano, uova, sale pepe e un pizzico di noce moscata.
Una volta formati i Rabaton, girandoli tra le mani, si passano nella farina bianca e si gettano per qualche istante nell'acqua bollente. Si scolano delicatamente e si passano al forno in una teglia con burro, parmigiano e tanta salvia.

Un piatto semplice, ma davvero gustoso!



14 commenti:

  1. Lella mi sa che somigliano agli gnudi toscani e comunque hanno un aspetto molto appetitoso!!!!!

    RispondiElimina
  2. uh.... una specie dei nostri tortelli d'erbetta senza pasta attorno ...in più ci sarebbe l'aglio...
    ma il ripieno è quasi identico... bella idea... si potrebbe provarli ... la salvia ce l'ho!! :))
    un bacio e grazie della ricetta ... <3 <3 <3 giusi_g

    RispondiElimina
  3. mmm.. devono essere buonissimi! Da provare! Grazie Lella

    RispondiElimina
  4. Devono essere proprio buoni......appena trovo dalla contadina gli spinaci, ci provo. Grazie!!

    RispondiElimina
  5. Grazie, sono da provare anche se è difficile
    trovare al super spinaci piccoli.
    Giovanna 55

    RispondiElimina
  6. Cucina povera ma gustosissima! Grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  7. mi piace un sacco questa ricetta.. non li avevo mai mangiati o saputo che esistessero.
    li proverò grasieee
    un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  8. Buoni buoni buoni! Parola di mandrogna!

    RispondiElimina
  9. sembrano gnocchi di patate fatti con gli spinaci!!!
    devono essere ottimi!

    RispondiElimina
  10. wow che golosità!!!
    buona giornata

    RispondiElimina
  11. Ciao!!
    Mi ha anticipata "i fili di cinzia", stavo proprio per dirti che da noi in toscana si chiamano gnudi..
    Ottima ricetta, ed è proprio vero, gnudi o rabaton, la semplicità di una volta non sbaglia mai!!

    RispondiElimina

  12. sembrano buoni,da provare sicuramente!!
    ciao,fiorella

    RispondiElimina
  13. Da provare, devono essere molto
    buoni,grazie per la ricetta femary

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, mi fa piacere conoscere le vostre opinioni!
Se sei anonimo, lasciami un nome, un nick o una mail, così saprò a chi rispondere.
♥ Lella ♥

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...