...............................................................................................Troverete tutti i vostri lavori nel Blog che ho dedicato a Voi clikkando QUI

venerdì 27 agosto 2010

Girasole

Questa sera ho finito di "picchettare" e di "bourrer" il Girasole, che costituisce la seconda parte del SAL "Le quattro stagioni creative" indetto da forum Cliccoecreo:


Ora dovrà restare almeno 12 ore all' ammollo in acqua fredda:


8 commenti:

  1. direi solare,complimenti,ciao,fiorella

    RispondiElimina
  2. Complimenti è stupendo e chissà come sarà ancora più bello dopo il lungo bagnetto
    ciao ciao
    Nicoletta

    RispondiElimina
  3. grazie di cuore per aver aderito al mio give away e super complimenti per questo meraviglioso mondo, anche io amo ricamare, ma da te posso solo imparare.

    RispondiElimina
  4. Veramente bello il tuo girasole a boutis... Non vedo l'ora di seguire il tuo sal ^___*
    Un abbraccio
    Dona

    RispondiElimina
  5. mi piace e mi affascina questa tecnica.

    RispondiElimina
  6. Interessante questa tecnica, aspetto il seguito! ;)

    RispondiElimina
  7. ciao, arrivo a te non so più da dove, forse da un petit ouseax... e mi pare anche di averti già incontrata.
    io adoro il boutis, ma perchè un ammollo di 12 ore?
    e poi, posso chiederti anche un'altra cosa? in una delle tue pagine dici che il trapunto fiorentino ha lo strato di ovattina, a quel che sapevo io invece non ha ovattina, ma utilizza filze ripetute intorno al soggetto imbottito.
    ovviamente non te lo dico per confutarti ma per imparare.
    sono comunque contenta di averti trovata, ti linko, così non ti riperdo.
    ciao matilda

    RispondiElimina
  8. Ciao, forse ti ricordi di me perché non molto tempo, prima delle'estate mi pare, mi ero aggiunta ai followers del tuo blog e ti avevo lasciato qualche commento. Premetto che non conosco il trapunto fiorentino, quello che riporto l'ho letto su di un manuale in cui si elencavano le differenze tra boutis provenzale, trapunto di marsiglia e fiorentino......
    Per quel che riguarda il boutis, ho frequentato un corso a Aix en Provence e la nostra insegnante ci ha spiegato che deve restare a mollo 24-48 ore a seconda della grandezza del lavoro. E questo è anche quello che consigliano tutti i manuali che ho comprato sul boutis in Francia. Il lavoro, a mollo, si compatta e si riduce di un buon 30%.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, mi fa piacere conoscere le vostre opinioni!
Se sei anonimo, lasciami un nome, un nick o una mail, così saprò a chi rispondere.
♥ Lella ♥

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...